Il Servizio

Quando la macroeconomia rende più potente il sociale: Addiopizzo e Altamarea

addiopizzo copia

altamarea

Invitato da Roberto, del gruppo territoriale Rete MMT Lombardia, partecipai alcuni mesi fa ad una conferenza di Addiopizzo organizzata dall’associazione locale Alta Marea.

Il contesto non è diverso dagli incontri pubblici che organizziamo per far conoscere le cause della crisi dell’eurozona: una freddissima sera infrasettimanale in terra di Brianza e una sala gremita da una cinquantina di persone e due ragazzi determinati e tenaci che raccontano di attivismo sociale e di come questo si intreccia con le loro vite personali: il video che proiettano narra di questo.

È un’iniziativa che nasce dal basso, dal senso critico e dall’esperienza concreta di persone comuni che ha come nobile obiettivo di migliorare la condizione di tutta la società. L’iniziativa di addiopizzo si intreccia ad altre esperienze virtuose, come i G.A.S (gruppi di acquisto solidale), l’informazione indipendente (http://www.telejato.it/home/), e le buone pratiche per il rispetto dell’ambiente del territorio.

È una prospettiva diversa da quella di Rete MMT. È una prospettiva microeconomica che però ad un certo punto del discorso dei relatori si imbatte e si confronta con la realtà macroeconomica “la crisi sta facendo chiudere moltissimi nostri associati”. Questa constatazione non è la prefazione ad un ragionamento macroeconomico sul perché i negozi di addiopizzo stanno chiudendo nonostante l’importanza del consumo critico e degli sforzi degli associati. È però la storia di una resistenza attiva di fronte a un problema. Chi divulga la MMT come noi non può astenersi dal mettersi a disposizione in maniera costruttiva per rendere efficace una risposta pratica di taglio microeconomico.

È necessario resistere all’etichettamento “si danno da fare nel piccolo senza capire le cause e le soluzioni che hanno creato il problema, dunque sono inutili” perché dietro gli sforzi quotidiani di questi ragazzi c’è un principio vicino al nostro lavoro. L’austerità e la mafia hanno in comune più di una cosa ed entrambe vogliono meno Stato e meno spirito di cittadinanza delle persone.

È importante fare rete con chi opera nel sociale perché il nemico è comune: l’impoverimento economico e sociale. AltaMarea eAddiopizzo condividono con le realtà come la nostra dei punti di forza da non sottovalutare: l’apartiticità, il radicamento sul territorio, lo spirito di collaborazione con le altre realtà, l’eterogeneità delle persone che operano (diverse generazioni, strati sociali, ecc).

Che sia un anno di proficue collaborazioni tra tutte le realtà che perseguono lo stesso fine: l’interesse pubblico.

 

Pagina facebook di AltaMarea

Sito di Addiopizzo

Qui alcune foto dell’evento e un breve racconto dell’evento

Commenta