Approfondimento

E se le persone capissero come funziona la moneta? (2)

E se le persone capissero come funziona la moneta?

Keynes come Prometeo e la Vendetta della Casta Sacerdotale

Ci sono varianti della storia del Titano Prometeo (preveggenza), ma l’elemento in comune è che lui fa infuriare Zeus intraprendendo un’azione che aiuta gli umani. La variante che discuto è il suo portare il segreto del fuoco (simbolo della luce, del calore e della conoscenza) agli umani. Zeus è infuriato e Zeus è davvero cattivo quando è incazzato. Incatena Prometeo ad una roccia e manda un’aquila (il suo avatar) a beccare e a mangiare il fegato di Prometeo ogni giorno. Prometeo è immortale, quindi il suo fegato si rigenera ogni giorno così che il ciclo della tortura possa continuare senza fine.

Prometeo è stato per millenni il più grande eroe dell’umanità. In effetti è un altro eroe, Eracle, che libera Prometeo dopo anni di tormento. Prometeo non ripudia mai gli umani, persino mentre soffre un’agonia senza fine.

Un commento da parte di un lettore della rubrica di Scott su Naked Capitalism [1] illustra la continua tentazione di “scatenare l’aquila” sul fegato di chiunque sveli alle persone il segreto della moneta. Il commentatore concorda che la MMT è corretta, ma crede che Keynes fece un terribile disservizio tentando di aiutare le persone a comprendere la moneta.

“Fortunatamente le paure di Mr. Worstall domineranno il prossimo futuro. Anche sapere com’è costruita un’auto da Indianapolis e guidarne una richiedono [sic] bagagli di competenze differenti. Se la MMT guadagnasse qualche trazione non assomiglierà a se stessa nel momento in cui arriverà la fine della Politica Sociale e della Teoria della Scelta Pubblica di Buchanan. Sarebbe come dare le chiavi [dell’auto] a tuo figlio di dieci anni. Ora, se si ha un debole o una fiducia in una suprema classe dominante illuminata, la MMT nelle mani del vostro politico preferito potrebbe apparire meravigliosa”.

Gli umani sono come “bambini di dieci anni”. Noi li dobbiamo proteggere dal loro folle desiderio di essere impiegati in maniera produttiva. Metti ogni cosa nelle mani degli economisti al servizio delle più grandi banche (la classe dominante rapace e corrotta) – ma evita la democrazia come la peste.

Worstall tira in ballo la seguente parata di orrori – l’arrivo della Kelton potrebbe portare il Congresso, dominato dai Repubblicani, a finanziare “altri 7 gruppi da battaglia di una portaerei” [2]. Il commento di Worstall mostra tre seri difetti nel suo sermone contro la democrazia. Primo, tutti sappiamo che i Repubblicani non lo faranno per molte ragioni.

  • Essi non credono che sarebbe auspicabile farlo.
  • Il Pentagono, persino il CNO [3], non crede che sarebbe auspicabile.
  • L’elettorato non vuole che lo facciano.
  • Se provassero a farlo, Obama porrebbe veto alla loro legislazione ed i Repubblicani non sarebbero in grado di scavalcare il suo veto.
  • Ci sarebbero (come ripetutamente segnalano gli studiosi MMT) vincoli di risorse reali se provassimo a costruire “altri 7 gruppi da battaglia di una portaerei” in un lasso di tempo molto breve.

Per riassumere, l’esempio di Worstall è falso e le ragioni per cui è falso sono importanti. Salta fuori che Stati e ragionamenti democratici impongono vincoli reali che limitano decisioni terribili.

Dovremmo anche guardare a ciò che Worstall non prende in considerazione riguardo alla spesa per la Difesa. Penso che la spesa per la Difesa degli USA sia eccessivamente alta e che gran parte del denaro venga speso male a causa dell’influenza degli appaltatori del Governo. Dalla mia prospettiva, la democrazia statunitense non sta lavorando in maniera appropriata per prevenire questi difetti. Non penso che la democrazia sia neppure lontanamente perfetta.

Sotto la Teoria del Mito Monetario, coloro che propongono i sette gruppi da battaglia di una portaerei esistenti (e coloro che propongono le 600 navi) reclamano (1) che i loro desideri debbano essere la priorità prevaricante e (2) che persino quando non ci fossero vincoli reali di risorse la loro spesa abbia priorità massima e debba spiazzare la spesa per istruzione, sanità, infrastrutture, persecuzione dei bankster [4] dell’élite, regolamentando efficacemente per prevenire la prossima crisi finanziaria – o persino preoccupandosi in maniera adeguata dei nostri veterani quando vengono gravemente feriti nelle nostre guerre.

Persino in risposta alla Grande Recessione, quando aumentare il deficit attraverso un aumento netto di spesa pubblica aiuterebbe in maniera importante la ripresa e ridurrebbe deficit futuri, anche quando programmi finanziati sarebbero efficaci e ridurrebbero la sofferenza, e persino quando non ci sono vincoli di risorse reali, la Teoria del Mito Monetario insegna che dovremmo adottare l’austerità decurtando l’utile spesa pubblica e peggiorando attivamente le cose. Questo è un risultato da incubo e l’Europa dimostra che non è ipotetico. La Teoria del Mito Monetario è ora legge nell’Eurozona nella forma dell’ossimorico “Patto di Stabilità e Crescita”, che produce crisi ricorrenti ed azzoppa la crescita. La casta sacerdotale europea ripete il mantra “TINA” (There Is No Alternative to Austerity [5]). A meno che la Teoria del Mito Monetario non venga contrastata con successo, il suo compito è quello di danneggiare il processo di governance democratica attraverso la non-spiegazione di un mito che impedisce che si senta persino parlare dell’alternativa, quell’alternativa praticabile che Worstall riconosce nella realtà economica del modo in cui la moneta funziona effettivamente. Worstall vuole produrre lo stesso risultato negli Stati Uniti – rifiutare la realtà in favore dei miti che sa che causano, gratuitamente, epici livelli di danni.

La Difesa aumenta anche le questioni sulle “guerre giuste”. Io non sono un pacifista. Sono molto felice che gli Alleati abbiano sconfitto l’Asse nella seconda Guerra Mondiale. Una delle grandi verità nel combattere guerre di sopravvivenza come la seconda Guerra Mondiale è che i leader nazionali scoprano la MMT, anche se la classe sacerdotale degli economisti si lagna per il terrore dei deficit e del debito sovrano. Nessun leader del Regno Unito risponderebbe ad un’invasione tedesca dicendo: “Purtroppo siamo ‘senza il becco di un quattrino’, perché stiamo già facendo deficit ed il nostro rapporto debito sovrano su PIL è alto – quindi ho ordinato alle nostre truppe di deporre le proprie armi e arrendersi”.

Notare la mancanza di un’annotazione finanziaria nel famoso discorso di Winston Churchill del 4 Giugno 1940 alla Camera dei Comuni sul disastro militare in Francia, il sudato miracolo di Dunkirk, e la prospettiva di un’invasione tedesca.

“L’Impero britannico e la Repubblica francese, congiunti insieme nella loro causa e nella loro necessità, difenderanno fino alla morte il loro suolo nativo, aiutandosi l’un l’altra come buoni compagni fino all’estremo della loro forza, anche se vaste parti d’Europa e molti antichi e famosi Stati sono caduti o possono cadere negli artigli della Gestapo e di tutto l’odioso apparato del dominio nazista. Non possiamo vacillare o fallire. Andremo avanti sino alla fine. Combatteremo in Francia, combatteremo sui mari e gli oceani; combatteremo con crescente fiducia e crescente forza nell’aria. Difenderemo la nostra isola, qualunque possa esserne il costo. Combatteremo sulle spiagge, combatteremo sui luoghi di sbarco, nei campi, nelle strade e tra le montagne. Non ci arrenderemo mai, e persino se – ciò che io non credo neanche per un momento – questa isola od una larga parte di essa fossero asservite ed affamate, in quel caso il nostro Impero, oltre i mari, armato e vigilato dalla Flotta britannica, condurrà avanti la lotta sinché, quando Dio voglia, il Nuovo Mondo, con tutte le sue risorse e la sua potenza, non venga avanti alla liberazione ed al salvataggio del Vecchio Mondo.”

Tutto il suo discorso non dice una parola sui vincoli finanziari. Il suo discorso è pieno di discussioni su risorse reali, in particolare su limitazioni di quelle risorse e su come il Governo stesse lavorando insistentemente per fornire i monumentali aumenti di risorse reali necessarie alla salvezza nazionale. Non c’è alcuna annotazione che dice “non ci arrenderemo mai”* (*”finché non ‘finiamo i soldi’). I Paesi con valute sovrane, di fronte a minacce alla sopravvivenza, scoprono in poche ore che il loro problema non è “finire i soldi”, ma terminare i proiettili. Se hanno piombo possono fabbricare proiettili. Inoltre, la cosa che le Nazioni scoprono subito dopo è che i vincoli di risorse reali iniziano ad essere vincolanti quando si mobilitano per una guerra di sopravvivenza – può avere senso avere gente che dona le proprie pentole e casseruole – per trasformare vomeri in spade.

La Paura della Conoscenza

I racconti di Prometeo comprendono intrinsecamente il timore degli dèi che le persone comuni apprendano i segreti di dèi e sacerdoti – e che il risultato sarà il caos. In una variante Zeus si vendica per gli sforzi di Prometeo nell’aiutare gli umani inviando Pandora. In alcune varianti di questo racconto la chiave non è il suo vaso – la chiave è inviare donne. Le donne, ovviamente, rendono la vita degli uomini un vero inferno. Questo messaggio anti-femminile è tornato in scena nella storia di Eva, il serpente e la mela (che simboleggia la conoscenza). Mary Shelley dipinse Frankenstein (il dottore, non il mostro rianimato) come “Il Prometeo Moderno”. Quindi, quante persone desiderano non fossimo mai stati “maledetti” con la conoscenza (e le donne)? Giusto, per questo trovo bizzarro che i libertari diano di matto a causa dell’apprendimento pubblico della realtà della moneta.

Worstall: È “Fortemente Pericoloso” per la mia “Autonomia e Libertà” Tagliare la Disoccupazione

Vi lascerò con l’ammissione di Worstall che la sua reale paura è che le persone farebbero scelte diverse, come il pieno impiego in una condizione di stabilità dei prezzi, se apprendessero la verità riguardo alla moneta.

“E dato che tendo a credere che ci sono vaste aree della vita (per non citare concetti bizzarri come autonomia e libertà) che funzionano al meglio in assenza di Governo, la MMT è una teoria che non mi piace molto. Penso sia fortemente pericolosa in realtà: anche se sono perfettamente disposto ad accettare molti dei punti di economia che stanno tracciando…”

Sì, lui vuole in realtà assicurarsi che i Governi non lavorino efficacemente per conto dei propri cittadini, quelle decine di milioni di persone che soffrono nelle Grandi Depressioni gratuite, perché pensa che far cessare la loro miseria sia “fortemente pericoloso” per la sua “autonomia e libertà”, anche se riconosce che lo stimolo lo aiuterebbe anche personalmente, poiché velocizzerebbe la ripresa economica. Lui è il vero modello del Libertarian Loonie [6]. Di nuovo, la sua reale preoccupazione è che se le persone imparassero che i Governi potrebbero usare il loro potenziale per i cittadini invece che per i CEO, provvedendo al pieno impiego, la cittadinanza risponderebbe a quel successo votando per spingere i Governi democratici a dedicarsi ad altri bisogni sociali. Alcuni di noi ancora preferiscono “concetti bizzarri” come candore, trasparenza, democrazia, e la regola aurea – e disapprovano i segreti dei sacerdoti secolari.

 

Note del Traduttore

1.^ Naked Capitalism: celebre blog americano di news ed analisi finanziarie “alternative” che si descrive “un impavido luogo di commento su finanza, economia, politica e potere”

2.^ Il gruppo da battaglia di una portaerei è la flotta di navi e sottomarini in supporto ad essa

3.^ CNO: Chief of Naval Operations, ossia il capo delle operazioni navali

4.^ Bankster: contrazione di “banchiere” e “gangster”, ad indicare i “gangster della finanza”

5.^ There is No Alternative to Austerity: Non c’è alternativa all’austerità

6.^ Libertarian Loonie: libertario matto

 

Originale pubblicato il 14 gennaio 2015

Traduzione a cura di Andrea Sorrentino, Supervisione di Maria Consiglia Di Fonzo

Commenta