Il Bollettino Economico MMT

BCE: il vero governo dell’Eurozona

Nelle proprie comunicazioni ufficiali (v. Bollettino 02/2017 pag. 65) la BCE conferma di muoversi ben oltre quello che è il mandato istituzionale di Banca Centrale, utilizzando le proprie pubblicazioni di analisi informativa periodica come supporto per impartire agli Stati che l’hanno istituita indicazioni di politica economica ai limiti dell’eversivo:

Anche se si può osservare un aumento nel numero dei paesi non interessati da squilibri nel 2016, non per questo deve cessare il loro impegno verso l’attuazione delle riforme

La BCE, lungi dall’essere “indipendente”, opera funzionalmente alle decisioni della Commissione, assumendone e rinforzandone le posizioni e imposizioni di politica economica sugli Stati membri. Tutti i segnali estremamente netti in tal senso confermano ripetutamente l’inemendabilità del regime dell’Eurozona, e attestano come tutti gli sforzi di “cambiamento dall’interno” siano destinati a infrangersi contro un’architettura di governance antidemocratica e automatizzata, sottolineata in passato dallo stesso governatore BCE Draghi con riferimento alle “riforme con pilota automatico”.

Commenta