Il Commento

Post #9: La palla dell’attacco russo in Ucraina

Adoro questa palla dell'”attacco russo in Ucraina” che mezzi di comunicazione e robot incapaci come la cameriera del Waffle House, Nimrata Randhawa (Nikki Hailey) e ora, sempre più, la Casa Bianca, hanno tirato fuori. Gli Stati Uniti sostengono un colpo di Stato in Ucraina che rovescia il presidente democraticamente eletto, portando alla costituzione di un regime filonazista. Almeno un obiettivo di quel colpo di Stato era che la Nato si impadronisse del porto di Sebastopoli, in Crimea. Quella è la CRIMEA, che è stata per 200 anni territorio russo, in caso non lo sapeste. Gli abitanti della Crimea – perlopiù d’etnia russa – aspettavano un VOTO LEGALE, in precedenza autorizzato dall’Ucraina, per riunirsi alla Russia dopo il colpo di Stato (Comprensibile. Perché dovrebbero voler fare ancora parte di un Paese in cui il Governo che hanno supportato è stato rovesciato da una potenza straniera?). Ora il Governo nazista ucraino sta dichiarando una guerra genocida ai civili nell’Ucraina orientale – di nuovo, perlopiù d’etnia russa. Nonostante tutto ciò, si parla di aggressione russa. È dannatamente scandaloso.

 

Originale pubblicato il 27 maggio 2017

Traduzione a cura di Maria Consiglia Di Fonzo

Commenta