L'Editoriale

La risoluzione di condanna dei Senatori USA contro la MMT non impedirà il cambiamento

La risoluzione di condanna dei Senatori USA contro la MMT non impedirà il cambiamento

Bloomberg ha dato la notizia che cinque senatori repubblicani negli USA hanno presentato una risoluzione di condanna della Modern Money Theory.

Recognizing the duty of the Senate to condemn Modern Monetary Theory and recognizing that the implementation of Modern Monetary Theory would lead to higher deficits and higher inflation.

Un’azione che la dice lunga sugli sviluppi politici del dibattito macroeconomico sulla MMT. La risoluzione dei cinque senatori non ci sorprende. Cosa comporta la diffusa consapevolezza che lo Stato monopolista della valuta è sempre in grado di risolvere la disoccupazione, garantire la sanità pubblica, un’istruzione avanzata, le pensioni? La riduzione del potere delle élite e il danneggiamento dei loro interessi economici.

L’azione dei cinque senatori è il segnale che gli economisti MMT statunitensi sono riusciti a portare la teoria fuori dalla nicchia nella quale molti speravano rimanesse confinata.

Condannare una scuola economica è l’estremo e disperato tentativo di arginare il dibattito. In più, in questo caso, è presente anche il più grande dei paradossi dato che il Governo degli Stati Uniti sta ampliando il deficit (senza che questo abbia generato alcuna inflazione) ma non per l’interesse della collettività.

Gli sviluppi della guerra di religione contro la MMT negli States si ripercuoteranno anche in questa parte del mondo, dove molti commentatori hanno iniziato a parlare della MMT solo in riferimento al dibattito Usa e mai in relazione alle selvagge politiche di austerità dell’Eurozona. Una lunga battaglia, che vinceremo.

Commenta