Eventi e Iniziative

“Moneta, Sviluppo e Imprese”, l’economista Warren Mosler in API Torino

Una delle responsabilità delle associazioni di categoria è quella di mettere a disposizione degli associati quelle conoscenze capaci di interpretare la realtà in cui gli stessi associati operano.

È quello che ha fatto l’API di Torino (Associazione Piccole e Medie Imprese) che ha pubblicato nel suo sito la presentazione e i video della conferenza tenuta da Warren Mosler lo scorso 25 marzo.

http://apitorinocms.directio.it/multimedia/eventi/2014/03/25-convegno-api-moneta-tasse-e-sviluppo

E così un evento privato si trasforma in una possibilità per tutti di avere informazioni e strumenti di comprensione per capire quella realtà che il pensiero unico mainstream distorce in una rappresentazione complicata quanto artificiosa.

Riportiamo l’articolo “Moneta, sviluppo e imprese” pubblicato nel sito di API Torino.

È disponibile sul sito di API Torino, la versione multimediale dell’incontro dell’economista e imprenditore statunitense Warren Mosler con i Consigli Direttivi dell’Associazione e delle Categorie che si è svolto il 25 marzo scorso.

Mosler, in Italia per un ciclo di lezioni, ha accettato l’invito dell’Associazione di venire a presentare la sua Teoria Monetaria Moderna (MMT). Le idee di Warren Mosler fanno discutere, suscitano opinioni forti e contrastanti e sono state alla base quindi del seminario “Moneta, tasse e sviluppo. Le suggestioni della Teoria Monetaria Moderna, la situazione dell’Italia, le possibilità per le imprese”.

Secondo la Teoria Monetaria Moderna, una nazione dotata di sovranità monetaria non può mai essere costretta a fallire in quanto la sua “capacità di pagamento” (“ability to pay”) è illimitata; di conseguenza, non ci sono tetti razionali al deficit e al debito sostenibili da parte di una nazione, poiché essa ha un potere illimitato di finanziare questi disavanzi stampando moneta. In un tale sistema, dice Mosler, la tassazione non svolge pertanto il ruolo di finanziare la spesa pubblica, bensì di rendere effettivo il controllo dello Stato sulla moneta. Il livello di tassazione, in specie rispetto alla spesa pubblica, è primariamente non un mezzo di finanziamento bensì uno strumento politico che di fatto regola l’inflazione e la disoccupazione.

Commenta