Approfondimento

Warren Buffett la odia. Alexandria Ocasio-Cortez la supporta. Una guida per principianti alla Teoria della Moneta Moderna (2ª parte)

Warren Buffett la odia. Alexandria Ocasio-Cortez la supporta. Una guida per principianti alla Teoria della Moneta Moderna

La MMT contesta un principio fondamentale dell’economia convenzionale, ovvero che – a parità di condizioni – un aumento del deficit di bilancio tende a far aumentare i tassi di interesse. È proprio il contrario, dice la MMT, che suona un po’ come la regina bianca di Alice nel paese delle meraviglie. Quando il governo spende di più, il settore privato ottiene soldi e li mette in circolazione nel sistema bancario. Con più moneta nel sistema e nessun aumento della domanda per essa, i tassi di interesse tenderanno a diminuire, non ad aumentare, dice la MMT. Cioè, a meno che il governo non scelga di assorbire riserve vendendo obbligazioni, cosa che non deve fare.

Il motivo per cui il governo non ha bisogno di vendere titoli del Tesoro, o riscuotere tasse, per spendere soldi è che la banca centrale, sotto il controllo del Tesoro, può pagare per qualsiasi cosa creando dal nulla moneta elettronica.

Nel mondo ideale della MMT ci sarebbero ancora le tasse, ma il loro scopo principale, a parte ridurre la disuguaglianza, sarebbe quello di “compensare” per tenere sotto controllo l’inflazione. Le tasse prosciugherebbero abbastanza denaro dai consumatori e dalle imprese tale per cui la spesa totale nell’economia non sarebbe eccessiva.

È allettante vedere che il concetto MMT di politica fiscale è essenzialmente simile a quello del mainstream – “Ehi, credono anche nelle tasse!” – Ma non è del tutto esatto. I sostenitori della MMT non considerano l’inflazione come il risultato principale di una espansione eccessivamente forte. Loro attribuiscono gran parte di questa all’eccessivo potere delle imprese di fissare i prezzi.

Quindi, prima di provare a soffocare la crescita per uccidere l’inflazione, avrebbero cercato di rompere i monopoli e fermare le banche nel fare troppi prestiti. “Più attivamente regoliamo le grandi imprese per l’obiettivo pubblico, più salda è la piena occupazione che possiamo raggiungere”, hanno scritto tre sostenitori della MMT in una lettera alla colonna di Alphaville del Financial Times’, pubblicata il 1° marzo.

Con questa formula, non c’è da meravigliarsi che la MMT abbia forti critiche a Wall Street, dove a volte viene derisa come fosse il Magic Money Tree [l’albero della moneta magica, NdT]. Ciò che sorprende di più è quanta critica la scuola di pensiero sta ricevendo dagli economisti liberisti che sembrano esserne alleati naturali, come Larry Summers, l’ex segretario del Tesoro ed ex presidente di Harvard.

Summers sta affermando che le nazioni benestanti soffrono di “stagnazione secolare” e – per restare fuori dalla recessione – richiedono ai governi permanenti livelli elevati di spesa in deficit che facciano da stimolo all’economia, il che è simile a quanto sostiene MMT. Eppure, in un recente editoriale del Washington Post, Summers ha definito la MMT “fallace a molteplici livelli“.

Summers e altri potrebbero essere preoccupati per il fatto che la MMT darà un brutto nome alle loro opinioni più convenzionali sul deficit. “Finché sono là fuori a dichiarare che la macroeconomia standard è tutta sbagliata, credo che avremo bisogno di rispondere”, Paul Krugman, il premio Nobel professore presso il City Graduate Center della City University di New York, ha scritto sul suo New York Times blog.

I critici della MMT sostengono che il tentativo di utilizzare la politica fiscale per guidare l’economia è un fallimento provato perché il Congresso e il presidente raramente agiscono abbastanza rapidamente per rispondere a una recessione. E dicono che non si può fare affidamento sui politici per imporre dolore alle persone attraverso tasse più elevate o spese più basse per ridurre la crescente inflazione. I sostenitori della MMT rispondono che si oppongono anche a questi aggiustamenti e desiderano invece utilizzare stabilizzatori automatici, compreso il lavoro garantito, per mantenere l’economia sulla buona strada.

I detrattori della MMT sono scettici sull’idea che il Ministero del Tesoro e la banca centrale dovrebbero lavorare di concerto. La Federal Reserve ha garantito il Dipartimento del Tesoro durante la seconda guerra mondiale, ma quel privilegio di “scoperto” è stato usato irregolarmente da allora ed è terminato definitivamente nel 1981, proprio perché gli economisti hanno avvertito che una banca centrale asservita avrebbe permesso all’inflazione di sfuggire al controllo. Sono anche dubbiosi sui lavori garantiti, sostenendo che se il salario del governo per i lavori garantiti è troppo basso, non farà molto per aiutare i lavoratori disoccupati o l’economia, mentre se è troppo alto minerebbe l’occupazione privata. Il piano di Tcherneva prevede $ 15 l’ora. La MMT prevede che i lavoratori dipendenti del governo tornerebbero nel settore privato nel momento in cui l’economia recuperasse, ma ciò significa che alcune funzioni del governo non sarebbero più svolte. In una e-mail, Wray afferma che le fluttuazioni cicliche nell’occupazione del governo sono gestibili.

Stephanie Kelton is an MMT proponent who was an economic adviser on Bernie Sanders’s 2016 presidential campaign.PHOTOGRAPHER: JOHN GRIFFIN/STONY BROOK UNIVERSITY

I critici della MMT respingono la sua rassicurazione sul fatto che un paese con la propria valuta non deve preoccuparsi del deficit. Dopotutto, è stato dimostrato che una nazione che perde la fiducia degli investitori del mondo vedrà precipitare il valore della propria valuta. Nel 1976, il Regno Unito è stato costretto ad appellarsi al Fondo monetario internazionale per stabilizzare il valore della sterlina. Wray ha sostenuto che l’errore del Regno Unito è stato quello di cercare di agganciare la propria valuta al dollaro e la crisi si è allentata quando ha permesso alla sterlina di fluttuare.

Altri disaccordi sono più difficili da analizzare per i laici. Sono argomenti complicati su come vengono determinati i tassi di interesse e la competizione per il risparmio tra il settore pubblico e quello privato. Gli economisti mainstream sostengono che le parti corrette di MMT non sono nuove e che le nuove parti non sono corrette. Ma i sostenitori della MMT sottolineano che l’establishment non si è ricoperto di gloria negli ultimi anni, in gran parte perché  un decennio fa non è riuscito a prevedere la crisi finanziaria globale, per esempio.

Paul McCulley, ex capo economista del colosso obbligazionario Pacific Investment Management Co., afferma che sebbene “non sia un sostenitore tesserato della MMT”, ritiene che essa offra “un’architettura solida per un mondo di valuta fiat”.

In ogni caso, il nuovo libro di testo dà alla MMT una buona fionda. Samuelson, nella prefazione all’edizione del 1990 del suo libro più venduto, scrisse: “Non mi interessa chi scrive le leggi di una nazione o chi crea i suoi trattati d’avanguardia, se posso scrivere i suoi libri di testo di economia”. Stephanie Kelton, una sostenitrice della MMT –  consigliere economico della campagna presidenziale del senatore indipendente del Vermont Bernie Sanders nel 2016 – ed editorialista di Bloomberg Opinion, vede la svolta. Nelle presentazioni, all’economista della Stony Brook University piace fare una citazione che dice, in sostanza: prima ti ignorano, poi ridono di te, poi ti combattono. Allora vinci.

 

 

Originale di Peter Coy, Katia Dmitrieva e Matthew Boesler pubblicato il 21 marzo 2019

Traduzione a cura di Gianluca Campo, Supervisione di Maria Consiglia Di Fonzo

Commenta