Approfondimento

La Curva di Phillips non aiuta a prevedere l’inflazione, lo scopre uno studio della Fed

La Curva di Phillips non aiuta a prevedere l'inflazione, lo scopre uno studio della Fed

Secondo uno studio dell’economista di primo piano della Fed di Philadelphia, una delle relazioni fondamentali della teoria economica convenzionale al centro della strategia della Federal Reserve per la determinazione dei tassi d’interesse, non è stata una buona guida per i decisori politici per almeno tre decenni.

Il documento, co-redatto dal Direttore della Ricerca della Fed di Philadelphia, Michael Dotsey, mostra che i modelli di previsione basati sulla cosiddetta curva di Phillips, che afferma un legame tra disoccupazione e inflazione, non aiutano in realtà a prevedere l’inflazione.

“I nostri risultati indicano che i decisori della politica monetaria dovrebbero nella migliore delle ipotesi essere molto prudenti ad affidarsi alla curva di Phillips quando misurano le pressioni inflazionistiche”, hanno scritto Dotsey e Shigeru Fujita e Tom Stark, economisti della Fed di Philadelphia.

Spot the Phillips Curve - The link between unemployment and inflation has disappeared

Il loro studio è tempestivo. I funzionari della Fed sono stati sorpresi da un rallentamento dell’inflazione negli Stati Uniti negli scorsi mesi, nonostante un continuo calo della disoccupazione, contrariamente a quanto prevederebbe la relazione descritta dalla curva di Phillips.

I verbali dell’ultima riunione del Comitato Federale del Mercato Aperto [FOMC, acronimo inglese] di fissazione dei tassi d’interesse della banca centrale, a luglio, hanno rivelato che “alcuni partecipanti hanno fatto riferimento a prove che suggerivano che questa impostazione non fosse particolarmente utile a prevedere l’inflazione”, mentre “la maggior parte dei partecipanti ha ritenuto che quell’impostazione rimanesse valida”.

Se l’opinione della maggioranza del FOMC è che l’impianto della curva di Phillips è ancora valido, significa che i banchieri centrali dovrebbero continuare ad aumentare i tassi di interesse con il livello di disoccupazione [più] basso in 16 anni, perché prevedono che l’inflazione aumenterà nel medio termine, nonostante le pressioni sui prezzi siano state deludenti.

Il Presidente della Federal Reserve di Kansas City, Esther George, che negli ultimi anni è stato più determinato di molti colleghi in merito alla necessità di aumentare i tassi, ha supportato quella posizione a margine della riunione annuale di questa settimana delle banche centrali di tutto il mondo a Jackson Hole, in Wyoming.

“Può esserci in realtà qualcosa di sbagliato con i modelli, non lo so, penso che questa continui ad essere una domanda che molti economisti si stanno ponendo”, ha detto George durante un’intervista televisiva con Michael McKee di Bloomberg che è stata trasmessa giovedì. Ciò nonostante, è favorevole a un ulteriore aumento di tasso quest’anno.

Gli economisti della Fed di Philadelphia hanno scoperto che l’aumento della disoccupazione può aiutare a prevedere una minore inflazione, ma la riduzione della disoccupazione non ha contribuito a prevedere una maggiore inflazione. Hanno notato che è stato in particolare il caso durante gli anni ’70 e i primi anni ’80 quando la Fed ha risposto all’inflazione fuori controllo aumentando tassi così elevati che l’economia americana è caduta in recessione.

“La nostra prova potrebbe indicare che l’utilizzo della curva di Phillips può aggiungere valore al processo di politica monetaria durante le crisi, ma la prova è tutt’altro che certa”, hanno scritto. “Non troviamo alcuna evidenza per fare affidamento sulla curva di Phillips durante i tempi normali, come quelli attuali che l’economia statunitense sta trascorrendo”.

 

Articolo di Matthew Boesler pubblicato il 24 agosto 2017

Traduzione a cura di Daniela Corda, Supervisione di Maria Consiglia Di Fonzo

Commenta