L'Editoriale

Chi farà la parte di Arlecchino?

Chi farà la parte di Arlecchino?

In un saggio recente (“Un pensiero strategico“) ho suggerito che proprio adesso è il momento opportuno che qualche leader progressista coraggioso si faccia avanti e spieghi che cos’è la moneta fiat, perché, di fatto, la stiamo usando da mezzo secolo, e come questa cambia il modo in cui noi immaginiamo che il nostro governo federale paghi i beni pubblici.

Chiunque raccolga la sfida, ho suggerito, sarebbe trattato come un Arlecchino dai mezzi di comunicazione e dagli esperti dell’economia mainstream – e sarebbe emarginato ed evitato dagli altri leader politici di entrambi gli schieramenti.

Nessun politico mainstream è pronto a sentire – e men che meno a condividere – che il governo federale può emettere e spendere tutti i dollari che servono a realizzare qualsiasi cosa per cui il Paese disponga delle risorse reali.

Nessun esperto di economia mainstream è pronto a sentire che il nostro “deficit” federale è una caratteristica necessaria di un sistema monetario fiat sano.
Nessun repubblicano o democratico mainstream è pronto ad arrendersi alla realtà che il nostro “debito” nazionale non è qualcosa che dobbiamo “ripagare” a qualcuno ma è, di fatto, il conto di risparmio del nostro settore privato.

Nessuno che appartenga al mainstream che, per definizione, dipenda dalla sua posizione in quel sistema per il suo sostentamento e per la sua condizione personale, è pronto o disposto a sentire, o anche solo a prendere seriamente in considerazione, una qualsiasi di queste realtà.

E tuttavia, a un certo punto, tutto questo dovrà essere presentato formalmente e dibattuto sulla scena nazionale – altrimenti la moneta fiat moderna e le enormi possibilità che essa crea per la società umana continueranno a languire per sempre come una realtà soppressa e poco compresa.

Mettere in scena ora la moneta fiat moderna, ho suggerito, avrebbe il merito (nel breve termine) di mantenere attivi i conservatori falchi del deficit – il che porrebbe al Presidente Trump le stesse difficoltà in cui si è trovato il Presidente Obama: lo costringerà a far passare ogni proposta di spesa attraverso la logica del “deficit di bilancio” e del “debito nazionale”.

Questo, di fatto, gli renderà virtualmente impossibile praticare qualsiasi politica di spesa significativa – cosa che è strategicamente importante perché, come ho avuto modo di evidenziare, uno degli strumenti essenziali di ogni populista autoritario è quello di inviare un flusso di denaro, benefici o rimborsi ai propri elettori.

Nel frattempo, i nuovi progressisti emergenti – che credo sorgeranno dalle ceneri del “vecchio” Partito Democratico – potranno mantenere le distanze dall’Arlecchino quanto basta per evitare di esserne danneggiati.

Mentre Arlecchino continuerà a rendersi ridicolo spiegando le realtà della moneta fiat moderna e le possibilità che essa dispiega, i “nuovi progressisti” potranno proporre seri programmi di spesa federale che, se implementati, potrebbero davvero avere rilevanti impatti sulle comunità bisognose di tutta l’America.

Come ho suggerito, i nuovi progressisti possono tranquillamente chiamare queste proposte “spesa a deficit” – inserendosi (almeno temporaneamente) negli equivoci e nelle strutture di potere esistenti all’interno del sistema monetario.

Ma il messaggio di Arlecchino sarà ormai in circolazione e potrà essere ripreso e ripetuto in molti modi diversi.

Una volta arrivato sul piano di un dibattito serio – anche se il suo “ruolo” è quello di essere denigrato irrazionalmente e senza vergogna – i suoi argomenti e le sue possibilità cominceranno a diffondersi nella consapevolezza popolare.

La “nuova strategia progressista”, allora, consiste nel (a) tenere Trump vincolato ai falchi della spesa del suo stesso partito; (b) fare proposte serie di spesa federale che offrirebbero un aiuto effettivo alle comunità bisognose di tutta l’America (sia che queste proposte abbiano possibilità di essere attuate o meno, in questo momento); (c) non contraddire direttamente o delegittimare il messaggio di Arlecchino, ma permettere, rendere possibile e (fin dove attuabile) assisterlo nella sua diffusione nella consapevolezza popolare; (d) fare un’ottima impressione alle elezioni di metà mandato, che sia basata su proposte concrete di spesa per assistere specifiche comunità locali; (e) vincere la Presidenza nel 2020 con una piattaforma “neo-progressista” che includa almeno un riconoscimento “preliminare” delle possibilità di usare in modo razionale la moneta fiat moderna per raggiungere gli obiettivi nazionali e indirizzare i bisogni reali dei cittadini americani in difficoltà.

Ma chi è disposto a fare la parte di Arlecchino? Chi ha l’immagine pubblica, la credibilità, la conoscenza, il carisma – e il coraggio – per farcela? Qualche suggerimento?

 

Originale pubblicato il 9 gennaio 2017

Traduzione a cura di Carlo Vittoli, Supervisione di Maria Consiglia Di Fonzo

1 Commento

  • Far passare una linea di politica economica fra la gente non implica necessariamente che un leader al potere o in prossimità del potere (maggioranza/opposizione) se ne faccia carico. Questo può accelerare i processi di conoscenza, di divulgazione di quella linea ma ne non garantisce l’adozione in termini di adozione, cioè di politica attiva. Voglio dire che i gruppi dominanti politici ( in diretta corrispondenza di quelli economici e finanziari e a questi subalterni) nelle loro elites di vertice sanno bene quello che stanno facendo e, dunque, non lo stanno facendo perché “ignoranti”, lo stanno facendo perché sono portatori di un disegno politico generale (Il “complotto” o il rafforzamento del nuovo potere, quello ultrafinanziario) che si fonda sulla scarsità, deficit, negazione dello Stato sociale etc. con tutte le ricadute di ordine (dis)umano che ne conseguono e di annientamento delle garanzie costituzionali in materia di diritti (istruzione, certezza di reddito, garanzia di lavoro, trasporto, assistenze varie etc.). Quando dai centri apicali della politica si scende gradualmente verso il basso: parlamento, istituzioni regionali e locali, sindacati, partiti, associazioni etc., la consapevolezza del “complotto” è meno consapevole e l’ignoranza del progetto neoliberista diventa più accentuata. L’Arlecchino perciò è difficile da intercettare perché l’elite portatore del progetto dell'”oppressione” è ad esso votato per motivazioni di potere e, perciò, anche ideologiche e politiche e, declinando verso il basso, perché troviamo “i cani da guardia” di quel potere, la cui guardania si fonda sull’ignoranza e sulla corruzione. Perciò, l’Arlecchino potrà essere intercettato solo in un vasto movimento di massa (intelligenza e cultura collettiva, consapevolezza, appartenenza e identità sociale), da promuovere e sviluppare come state facendo e come sta avanzando, consapevole di un progetto neokeynesiano e della necessità di uno Stato dotato di moneta fiat. Con tutto ciò che vuole dire questa espressione ben specificata nel vostro articolo. Sono fiducioso! Samuele Anselmo

Commenta