Il Commento

Devo votare Mélenchon?

Devo votare Mélenchon?

Oggi andrò al Consolato a Milano, più precisamente alla Scuola Superiore Francese di Milano, a votare per le presidenziali francesi. Oltre alla nazionalità italiana, infatti, ho anche quella francese.

Escludendo i candidati assolutamente sconosciuti ai più, tra i quattro che se la giocano per le presidenziali Mélenchon è l’unico che esplicitamente parla di “disobbedire al patto di stabilità” facendo riferimento al limite del 3% sul deficit (regola priva di qualsivoglia supporto scientifico) che impedisce a priori allo Stato di avere uno spazio d’azione sufficiente a garantire la piena occupazione e l’attivazione del tessuto produttivo.

Mi piace come vuole gestire le tasse, aumentandone la progressività, che avrebbe un ruolo positivo in termini di effetto anticiclico [1], e diminuendo l’IVA sui beni primari (io personalmente la eliminerei per tutti i beni che non hanno effetti antisociali).

Mi colpisce positivamente che voglia aumentare molte voci di spesa pubblica a partire dalla sanità e dall’educazione passando, in senso più lato, per maggiori investimenti nella cultura e nella ricerca.

Ciononostante, una base sulla luna, come indicato nel programma senza apparenti giustificazioni, mi sembra francamente ridicola e rischia di far perdere di credibilità al ragionamento complessivo.

Mélenchon parla di pieno impiego, parola che da noi in Italia non si sente mai, e questo è già in sé una buona ragione per prendere in considerazione l’idea di votarlo. Non parla di reddito di cittadinanza o di reddito minimo, né vuole spalmare la povertà negando a tutti l’accesso al lavoro. Non accetta la disoccupazione come dato naturale, al contrario del Movimento 5 Stelle e di altri in Italia.

Usa la parola SOVRANITÀ, parola che per la sinistra in Italia è quasi sempre omologata ad una parolaccia, nonostante l’articolo 1 della nostra Costituzione parli proprio di sovranità popolare. In effetti non si capisce come si possa promuovere la democrazia, e dunque la sovranità popolare, senza parlare di sovranità.

È interessante anche il suo discorso volto ad integrare la critica all’Unione europea con il piano dell’armonia internazionale che coinvolge sia le ex-colonie, a cui si vorrebbe riconoscere vera sovranità (che con il cfa non hanno) sia i BRICS (Brasile, Russia, India, Cina e Sud Africa).

Ugualmente è di interesse l’approccio al tema dell’agricoltura, dove vuole rompere il quasi-monopolio della domanda della distribuzione che da sempre schiaccia i produttori agricoli. Mi attrae meno l’idea di creare 300˙000 posti di lavoro in agricoltura. Perché si pensa alla comunità rurale come ad uno stile paradisiaco, parsimonioso, comunitaristico, precapitalistico medievale. Ben venga invece la buona innovazione anche in agricoltura in termini di macchinari, informatizzazione ed automazione degli stessi, logistica, controllo remoto, ecc.

Fino a qui tutto bene, ma c’è un ma. Mélenchon pensa che il modo per creare lavoro passi per il protezionismo, invece che per l’aumento del deficit statale collegato all’elaborazione di un piano del lavoro.

E c’è anche un secondo ma. Quasi tutto il programma di Mélenchon è incompatibile con l’architettura dell’Unione europea e non esiste un Piano B con cui esercitare la necessaria pressione alle istituzioni europee.

Dopo svariati meeting internazionali, di cui l’ultimo a Roma, dove era presente anche il deputato spagnolo di Podemos Manolo Monereo, vicino a Red MMT Espãna, il piano B di Mélenchon non sarebbe altro che “trasformare l’euro da moneta unica a moneta comune”, il che non ho idea di cosa voglia dire… e secondo me non c’è l’ha neanche lui, tanto che cliccando sul suo sito appare una pagina che recita “il libro del Plan B sarà qui pubblicato appena pronto”.

Diciamo che devo ancora un poco pensarci, perché tra i candidati minori che nessuno considera c’è anche chi almeno ha le idee chiare sul rapporto con l’Unione europea. E non avere le idee chiare ad una corsa per le presidenziali nel 2017 non è accettabile.

 

Note dell’Autore

1.^ Anticiclico significa contrario al ciclo economico. Che promuove un’espansione in situazioni di recessione e diminuisce l’espansione in situazioni di accelerazione dell’economia.

2 Commenti

  • Salve dott. Invernizzi, ma Lei crede realmente che un uomo dei Rothschild possa fare gli interessi della popolazione? Saluti.

Commenta