L'Editoriale

Il debito pubblico del mondo è il credito degli extraterrestri?

Il debito pubblico del mondo è il credito degli extraterrestri?

Questa considerazione è rivolta ai lettori che hanno apprezzato il libro di Carlo Cottarelli “Il macigno”, dove il macigno è individuato nel debito pubblico che grava sull’economia dell’Italia, soffocandola nella morsa dell’austerità.

La ricetta che Cottarelli propone per risollevare le sorti della nostra economia è la riduzione del debito pubblico.

Proviamo a vedere il debito pubblico in una dimensione più ampia rispetto a quello nazionale, e domandiamoci in che situazione sono gli Stati del mondo rispetto al debito pubblico.

Tutti gli Stati del mondo hanno un debito pubblico, per cui se sommiamo tutti i debiti pubblici di tutti gli Stati ne deduciamo che il “settore pubblico del mondo” è indebitato con qualcuno. Ma con chi?

Una prima ipotesi è che il “settore pubblico del mondo” sia indebitato con gli abitanti di qualche altro pianeta. Gli extraterrestri potrebbero aver prestato i soldi agli umani per creare infrastrutture e civiltà, e per ripagare il debito dovremmo riempire un’astronave di soldi e mandarla in giro per lo spazio. Ma dalle ultime spedizioni spaziali non risulta che ci siano pianeti che abbiano reclamato quei soldi…

Infatti la partita si chiude all’interno del pianeta Terra. Il debito di uno Stato corrisponde al credito di qualche altro soggetto che sta sulla Terra: i cittadini o le imprese di quello Stato o di altri, oppure altri Stati. Il debito del “settore pubblico del mondo” corrisponde al credito in mano ai privati, ovvero al risparmio finanziario netto dei privati.

La ricetta cara a Cottarelli punta alla riduzione del debito pubblico, ma questo significa ridurre il corrispondente credito dei cittadini. Riducendo il debito pubblico si riducono i risparmi dei cittadini.

Mi auguro che i fedeli lettori di Cottarelli credano nell’esistenza degli extraterrestri perché, diversamente, avrebbero riposto fiducia in una ricetta che li ridurrà in miseria.

Commenta