L'Editoriale

Come lo Stato abbandonerà i cittadini di fronte alle calamità

fotocasanova

Negli ultimi vent’anni siamo stati tempestati da un furore propagandistico senza pari nella storia, per cui lo Stato è diventato sinonimo di nemico, di inefficienza, di spreco, di latrocinio. Se a questa abile e battente propaganda aggiungiamo la privazione di quella che è la prerogativa fondante di uno Stato, ovvero la sovranità monetaria, la capacità di emettere e gestire la moneta fiat (creata dal nulla) in maniera che sia FUNZIONALE all’economia reale del Paese, il gioco è fatto.

Il gioco è quello che drammaticamente osserviamo e viviamo quotidianamente: riduzione dei redditi, distruzione del tessuto produttivo, tagli sistematici allo stato sociale e incapacità di far fronte alle calamità naturali insite in un territorio come quello italiano.

E proprio quest’ultimo aspetto merita alcune riflessioni.

Nel 1976 il Friuli viene letteralmente devastato da due episodi sismici catastrofici susseguitisi a distanza di 4 mesi. La successiva ricostruzione spesso e giustamente viene portata come esempio virtuoso.

Il governo nominò il 15 settembre 1976 Zamberletti Commissario straordinario, incaricato del coordinamento dei soccorsi. Gli fu concessa carta bianca, visto che all’epoca l’Italia godeva di PIENA SOVRANITÀ MONETARIA (e quindi non necessitavano delle “mitiche” coperture). In collaborazione con le Amministrazioni locali, i fondi statali destinati alla ricostruzione furono gestiti direttamente da Zamberletti assieme al governo regionale del Friuli Venezia Giulia.

Contestualmente, Zamberletti istituì la Protezione civile.

Stime attendibili attestano per la ricostruzione un importo prossimo all’equivalente di 20 miliardi di euro, cifra enorme, che gestita in maniera opportuna e virtuosa ha non solo permesso una rapida e invidiabile ricostruzione, ma anche un boom economico nei territori interessati, alimentato dalla tanto vituperata spesa pubblica, che ha durato fino all’inizio della crisi attuale.

Veniamo ai giorni nostri. L’82% dei Comuni italiani comprende aree classificate a rischio idrogeologico. Negli ultimi anni l’intero territorio italiano è stato colpito ripetutamente e severamente da eventi alluvionali gravissimi, con perdite di vite e distruzione di beni sia pubblici che privati. La scelta dello Stato per il futuro è chiamarsi fuori per quanto riguarda i fondi necessari per le ricostruzioni degli edifici privati danneggiati. Il costo va a ricadere sui cittadini. Come? Stipulando una polizza assicurativa. Viene introdotto il principio delle coperture assicurative su base volontaria contro i rischi di danni derivanti da calamità naturali.

Pensate sia complottismo? Purtroppo ciò è confermato dal DECRETO-LEGGE 15 maggio 2012, n. 59 (governo Monti).

Appare lapalissiano un evidente cambio di paradigma, sicuramente non a tutela e nell’interesse dei cittadini.

Non godere della sovranità monetaria e di una finanza pubblica funzionale all’economia reale e alla tutela del benessere dei cittadini, significa violare l’essenza di uno stato democratico, e abbandonare letteralmente la cittadinanza ai rovesci della fortuna.

Commenta

";